Archivio tag | paura

Ascolta il silenzio


E adesso taci e ascolta.. il niente sì, il silenzio, ascolta ho detto. E togli  le auto in corsa e togli ogni parola le risate i clacson l’estate che sguazza. Togli tutti gli orpelli niente rane a gracidare o frinire di grilli, lascia stare il pipistrello e le ali della civetta che passa maestosa senza […]

Pensieri sulla carne, sulle ossa e sull’Aldilà


  E così siamo fatti di carne e di ossa. Io non l’accetto fino in fondo, non mi va la fragilità di questo mucchio di cellule, non mi va di pensare a quanto lavoro si compie in ogni istante solo per concedermi di stare qui, seduta, a blaterare al pc e il mio corpo si […]

Giacomino scopre il giardino.


Il piccolo raccolse i libri dalla cucina e li trasportò lungo il corridoio, annaspando e caraccollando. Mantenne la meta ferma come la mira di un arciere e si impose di resistere al peso di quei tomi ribelli. Una fatica pazzesca! Il suo timore più grande era che gli sfuggisse uno di quelli grossi, magari quello […]

Mi manchi tra le foglie che cadono tutt’intorno


Se c’è un cielo oltre il mio sguardo, spero che contenga te. Spero sia vero che tu sai ora, tu capisci, eppure mi pareva tu capissi già, piuttosto bene. Spero tu tenga il mio cuore saldo, le mie speranze infrante ti prego di conservarle e rimandarmele in sogni. Ritorna nei miei sogni, parlami, dimmi, o […]

Come nessuno mai


Volerò tra le vette più alte, gridando l’ebrezza planando e risalirò con slancio per poi tuffarmi in picchiata e il vento mi carezzerà le piume sostenendomi gentile. Vedrò il cielo immergendomi in esso e mi befferò delle altre creature, aguzzando la vista le vedrò scappare tra gli alberi e mi poserò su di un ramo […]

Il vecchio allo specchio


  Quando il tempo violerà le fermezze, ogni certezza ferendo, scoprirai l’ospite amaro, nel troviere incappando. Col volto scavato di sole di cenci confezionato il piglio di fiero valore dell’eroico soldato . Sarà vecchio e canuto in tua cerca arrivato con lo sguardo muto a contar le pelli. Non tentarti la fuga poscia egli ritorna […]

Pensavo al sonno, alla morte, cercando le emozioni


Alors, ho capito che non sono l’unica con grave carenza di sonno in questi giorni. Mi metto a leggere, cosa che adoro, perché mi proietta al di fuori di me, delle mie cose, ma al contempo nella mia mente, sfruttando il mio sentire. Quando capisco che sto rileggendo la stessa frase all’infinito, con la vista […]