4 commenti

Groviglio intricato tra commissioni, sentieri esistenziali e autori postali(di post)


Ah, oggi mattinata attiva, corri qua e corri là!

Caldo, ma un caldo corroborante, che avvolge, accompagna, fa sorridere a tutti, chi se ne importa se poi qualcuno guarda con faccia perplessa, dandoti ad intendere che non c’è nulla di cui sorridere. Io sorrido lo stesso, quando ne ho voglia, non c’è niente che mi fermi. Stessa cosa quando sono nera, dentro e fuori, produco fumo, ma per un’educazione che definirei estrema, mi controllo fuori casa, gli altri non devono subire il mio umore, per cui sono gentile, chiacchiero, mentre aspetto che prima o poi un tic all’angolo della bocca mi smascheri.

Oggi sorrido, è una giornata troppo bella, anche se le mie preoccupazioni bussano nel petto, io le respingo e le butto dietro un’inferriata, metto un lucchetto e faccio pure una pernacchia!

Le rose sbocceranno per il mio compleanno, me lo sento! Ogni anno me lo dico, poi non ricordo, no, l’altr’anno sono sbocciate dopo, ma questa volta sono lì per lì che iniziano a sporgere i petali: quelli rosa canonici e quelli gialli dalle punte porpora.

Ci sono cose, persone, situazioni che non mi va di affrontare e vorrei puntare i piedi a terra e cocciutamente impedirmi di andare in quella direzione, voltarmi di spalle col broncio e le braccia incrociate, ma non sono capace, mi hanno inculcato un qualche giorno qualche sorta d’aggeggio sotto pelle che mi trasmette sensi di colpa in impulsi elettrici.

Vorrei librarmi in cielo con un balzo teso e un colpo di reni, volgermi al sole e sollevarmi da tutto, ma poi ho dei cuori grandi che amo più della mia esistenza, così miserella, e non c’è nulla che mi porti via, passasse una bufera.

Allora, si vive di corpo e di mente, e ormai ho capito che l’idea di proseguire nella vita in linea dritta avanti a noi, è un’illusione cognitiva. Sono certa che se i nostri passi esistenziali fossero imbevuti d’inchiostro e noi vivessimo su di un immenso foglio immacolato, alla fine di questi giorni, il Creatore appenderebbe tra le nuvole e le stelle, questi capolavori nostri, come linee di arte astratta, tutte curve, intricate, avanti indietro e poi una svolta e poi ancora.

Sta tutto nel viaggio, nel coinvolgimento che ci mettiamo, quanto di noi sarà su quel foglio? Sarà un disegno ideato da noi, dalla passione, dall’estro creativo o una copia maldestra di altri ?

Ancora una volta ho divagato dai miei giri concreti ai grovigli esistenziali, mah, il cervello è un animale assai curioso!
Propongo un giochino divertente, stimolante che vi darà da pensare.

Io leggo molti di voi dal Reader dei Blog I follow, giusto?

Scorro e pilucco o mi soffermo e contemplo. Ognuno ha il suo stile e ci si incomincia a conoscere, perciò scorrendo i post dall’alto è un riconoscere quasi dei compagni di classe. Però. Per caso, scendendo troppo in fretta dai titoli in cima, mi si sono incrociati davanti agli occhi i titoli con gli autori e che sorprese! Titoli inaspettati , quasi un colpo! Eppure niente di lontanamente illecito, ma cerchiamo sempre certezze, il bisogno di capire chi si ha di fronte. Il risultato è stato molto divertente. Vi propongo di leggere i titoli dei post scambiando gli autori. Molto interessante!

Annunci

4 commenti su “Groviglio intricato tra commissioni, sentieri esistenziali e autori postali(di post)

  1. Preoccupazioni e belle giornate ultimamente sono un connubio grazioso, e per fortuna, dopo il lungo inverno. E poi le rose, come sono belle le rose!

    • Mi sembra di stare su un’altalena in effetti, e comincio a sentire una certa vertigine allo stomaco! Le rose mi fanno felice e sto lì a guardarle ammirata e fiera, perché per me è sempre un miracolo ( non ho la cultura delle piante), in attesa che si schiudano a me.

  2. Con il tuo commento ed ora con il tuo post mi hai fatto tornare
    il buonumore :mrgreen:
    Come te anche io se sono incazzata per i fatti miei non lo faccio mai pagare agli altri !!Però non so come c’è sempre qualcuno che mi domanda se ho qualcosa che non va ! Si vede che non sono molto brava a nascondere oppure sono sempre le mie sopracciglia che a mia insaputa ( brutte vigliacche traditrici 😆 ) si aggrottano e così fanno intuire che sono un tantinello incazzata 😉
    Ciao Felina 😀 Un bacione per un sereno fine settimana 😆
    liù

    • Ah, ah! Evidentemente lo sguardo non mente! Ma è giusto poter provare le proprie emozioni. Finché non si sfoga sugli altri, è giusto. Altrimenti finiamo come maschere preziose, che coprono magari un volto più bello.
      Temo anch’io di apparire strana mentre sorrido con lo sguardo trucido! 😛
      Buon fine settimana e un bacione schioccante pure a te!
      Felina

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: