8 commenti

Dello scrivere


Qualche attento osservatore potrebbe aver notato che sto scrivendo come stessi vomitando, senza controllo e a getto continuo.

La verità è che sono un po’ in tensione in questi giorni e lo scrivere mi sistema, mi fa uscire un po’ di cose e la pressione interna è meno forte. Mi rendo conto in realtà di ciò che metto in righe, e la differenza tra uno scritto e l’altro è dato dai miei pensieri, come per tutti sono un gioco a rincorrersi e basta allungare il piede per trovarsene uno di fronte.

Questo è il mio modo di affrontare le cose, ma non solo, è la mia passione, quella che va al di là del fine, al di là del talento, della resa. Amo scrivere tanto quanto amo stare stesa sul mare con le palpebre abbassate e lasciarmi cullare .

Mi scuso ed è un po’ che penso di scriverlo, se non sempre sono all’altezza, non è che non ci tenga. Si vuole ospitare l’arrivato in una casa degna e magari con un pizzico di vanità, lasciare in lui un amore per la nostra calda accoglienza.

Io vorrei scrivere in modo eccellente, ancor di più emozionare, rendere tangibili le fantasie della mia mente e dare loro un senso, condividerle, ma… scrivo sopra ogni cosa e chissà che col tempo venga meglio, non è detto.

Siamo tanti, un mondo di scrittori, in quanto scriventi, ma a pochi è dato d’aver il dono e io sono umile in questo. Ho il piacere però di leggere a mia volta lo scritto altrui e devo ammettere che c’è qualche mente stimolante, qualche scambio che mi stuzzica, mi fa venire nuove idee o mi porta a riflettere, a studiare ( letteralmente, ce n’è sempre bisogno!).

Comunque, questo è il mio museo, l’esposizione vivente del mio pensiero, tra il più e il meno ed è un’opera buona, volendo, di carità verso chi mi incontra nella vita reale, così che mi trovi un po’ meno ansiosa, meno contratta o graffiante.

Scrivo e scrivo ed è strano affermarlo, dal momento che batto i tasti e mi manca un po’ l’inchiostro, per una certa nostalgia delle dita macchiate, del crampo al polso e polpastrelli tagliuzzati. Come l’omo che col puzzo esprime il proprio sudato lavoro! Non so stare senza burle, mi spiace.

Annunci

8 commenti su “Dello scrivere

  1. Ehhh… sono raptus..e tu lo sai..:)

  2. Amo l’immagine che hai scelto. Anche se il soggetto non è tanto bello.
    Se riesci a mettere per iscritto le tue confusioni mentali, evidentemente, sei in una fase particolare della tua vita. Una fase da gustare.

    • Grazie Samanta, hai ragione, cerco di gustare una convivenza più cordiale con me stessa e di cambiare prospettiva fino a vedere le cose dall’angolatura migliore per me, per contenerle. L’immagine mi piace perché lo scrivere è spesso frutto di una frenesia interiore che deve trovare modo di esprimersi su di un semplice pezzo di carta (un tempo).,

  3. Anche io spesso mi ritrovo a scrivere più cose insieme (a volte anche 4!) e dato che invece altri giorni c’è una calma piatta allora me li salvo nelle bozze quelli “in più” 🙂

    Siamo pienamente sulla stessa linea d’onda! Anche io credo che faccia bene scrivere, che sia meglio sfogare un po’ di propri pensieri qui che farlo sempre sulle povere altre persone che ci stanno accanto (che hanno già i loro di problemi…).
    E’ molto educato e socialmente utile nei confronti degli altri, oltre che di se stessi. In questa maniera i nostri pensieri li leggono alla fine solamente le persone davvero interessate, e senza nessun obbligo, quindi la trovo una cosa molto intelligente 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: