Lascia un commento

Oggi c’è aria di nuovo


null
Avete mai sentito dire che chi si lava di continuo ha una certa ossessione col sentirsi a posto con se stesso?

Non sto invitando a spellarsi dai lavaggi troppo frequenti, né a lasciare che i calzini scappino dai propri piedi, troppo inorriditi dal cattivo odore! Il fatto è che sono sempre stata per il buon senso in tutto  e quindi pensavo alla casa, ai giorni pigri e a quelli attivi.

A volte mi sale la bile e vorrei correre lontano da certe incombenze: riordinare mesi di accumulo indiscriminato in vari posti non sospetti di qualsiasi microinutile oggetto, mi fa venire la nausea letteralmente.Lo detesto! Se si calcola che il caos non è mio per gran parte della faccenda, è ancora più snervante.

Oggi ho affrontato gli scaffali del mio stanzino/sgabuzzino… ma che cos’era? Mi sono stancata di pensare che se qualcuno fosse capitato lì dentro mi sarei vergognata. C’era di tutto: medicine scadute, magazine, i suddetti microinutili oggetti che nessuno voleva buttare, cavi, bottiglie piene di sostanze similvino-similpipì, racchette di plastica, roccheti di filo, borse e borsoni con monete recuperate   e altre cianfrusaglie inutili.

Odio questo tipo di lavoro perché mi gira sempre la testa e mi viene la nausea: non è per lo sforzo, che è minimo, piuttosto è per il continuo valutare, catalogare, decidere cos’è ciò che hai in mano e trovargli un posto, che sarebbe molto più semplice fosse sempre il bustone nero dell’immondizia.Conosco qualcuno in casa mia che aveva l’abitudine di creare il caos più caotico e poi lamentarsene ogni due mesi,per poi prendere in massa di tutto dai vari ripiani domestici e gettare senza il minimo pensiero. Risultato: perdita improvvisa di cose necessarie, senso di panico al pensiero di vederlo con una busta in mano e irritazione non risolta per la confusione che ha continuato a nascondere nei posti più disparati.

Oggi gli nascondo le buste…non proprio: faccio prima a mettere mano io alle cianfrusaglie, ma provo soprattutto a limitare i danni sul nascere. Anch’io ho i periodi di pigrizia, perché solo di questo si tratta, per cui infilo fogli e ninnoli a cui non so dare una spiegazione nei cassetti della cucina, che periodicamente straripano; amo pensare che non arriverò mai al livello di colui citato sopra: è semplicemente troppo oltre.

Dopo aver superato le vertigini e la nausea per il terrificante lavoro di catalogazione e cestinazione, sono soddisfatta: ho uno sgabuzzino gioiellino! Ci aggiungerei anche un chissenefrega da sola, ma per tornare al principio, quando metti ordine fuori sembra di essere un po’ più in ordine anche dentro.

Traete pure le vostre conclusioni sui capogiri e voltastomaco che mi ha richiesto farlo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: